martedì 8 maggio 2007

Ci sono famiglie e famiglie... (a quanto pare)

La Bindi ha detto di non aver voluto invitare al Forum delle famiglie i rappresentanti delle associazioni omosessuali. Ha invitato solo i genitori di omosessuali (l'associazione AGEDO: Amici e Genitori di Omosessuali)... perché quelli sono genitori, mentre i genitori gay non sono veri genitori, evidentemente. Eppure il fenomeno dell'omogenitorialità è diffuso. Può essere il caso di donne lesbiche che crescono figli avuti da una precedente relazione eterosessuale, o può essere il caso di figli adottati in base a legislazioni straniere che lo permettono (in Olanda, Belgio ecc...), o ancora di padri divorziati presso cui i figli hanno deciso di vivere.
Insomma è un fenomeno che, se sul piano numerico è marginale, non lo è tanto su quello dell'intervento legislativo, e poiché di quello dovrebbe occuparsi un governo, la scelta della Bindi, del tutto ideologica e pregiudiziale, appare assai criticabile.
Per inciso, la Bindi non ha invitato nemmeno la LIFF, Lega Italiana Famiglie di Fatto. E vabbè... evidentemente il Partito democratico sta nascendo sulle esclusioni, perché nella stessa occasione in cui la Bindi ha detto questo gli esponenti diessini si sono affrettati ad affermare che le parole della Bindi sono "coerenti" e non destano alcuna preoccupazione.
Io, invece, preoccupato lo sono...

3 commenti:

Anonimo ha detto...

troppi compromessi ,PD senza anima. Che tristezza. Condoglianze...

Andrea

Marco Rossi ha detto...

ringrazio per le condoglianze... si spera in un miglioramento del paziente :-)

Alessio ha detto...

Le condoglianze ora.. e pensare che deve ancora nascere..
Io direi che i problemi di questi mesi sono state le tante chiacchiere inconcludenti di personaggi all'interno dei partiti.. credo che si sia prodotto ben poco di nuovo.
Il problema non è tanto la fusione. Il problema del PD è creare un'entità nuova con persone nuove, ed io ho sempre più paura che ciò non avverrà.
Perché? perché le persone rimangono fuori dai partiti, e perché chi potrebbe avanzare e portare davvero un contributo positivo alla politica italiana viene "fermato", ostacolato, perché sennò altri non troverebbero più posto (come sarebbe giusto che fosse!!).

Credo che non si possa dire la parola fine ad una nuova entità che non è stata ancora creata (non tanto sotto l'aspetto del nome), ma quanto sotto l'aspetto reale e di ideale che sta sotto alla nascità del PD.

Legg. prolisso.. scusate