mercoledì 21 febbraio 2007

SG: ricomincia l'avventura!

Stasera ho inviato le email per convocare la direzione regionale di sabato, in qualità di componente della commissione di garanzia regionale. Si tratta della prima riunione della nuova direzione eletta al congresso dello scorso 10 febbraio. Per dirla brevemente: la SG ricomincia l'avventura. Un'avventura che spero porti buoni risultati.
Le premesse potrebbero esserci. C'è stata un'analisi delle debolezze, diverse buone proposte per superarle. In generale uno spirito mirante a migliorare nettamente la "qualità" dell'attività della SG a tutti i livelli, al di là del fatto che vi siano anche stati degli screzi. Credo però che alla fine, soprattutto nell'attività dell'esecutivo, prevarrà l'obiettivo di lavorare, lavorare, lavorare. E se si lavora davvero non c'è tempo per perdersi in inutili diatribe.
Se l'esecutivo regionale lavorerà bene gli effetti positivi si noteranno soprattutto per le Federazioni che per le piccole dimensioni hanno più difficoltà ad agire in autonomia no raggiungendo la necessaria "massa critica". E questo lo dico ben sapendo le difficoltà che ci sono in queste circostanze, visto che la Federazione di Gorizia è da annoverarsi nella categoria "federazioni microscopiche" :-(
Bè, piangersi addosso non serve a molto, comunque. Anche a Gorizia ci sono delle prospettive. Innanzitutto inizia a farsi strada nel partito l'idea che ci sia un "movimento giovanile" vivo e vegeto. Prima credo che questa idea fosse presente solo o quasi a Monfalcone dove la SG era attiva da diversi anni. Adesso direi che almeno a Gorizia e Cormòns si è sparsa la voce.
Il legame con il partito è buono. Bè il merito va dato certamente a Bolzan che ha mostrato di credere in noi e ci ha dato praticamente "carta bianca". Ce ne fossero 1000 come lui!!! :-)
E molta parte di merito va data anche alla nostra neo-segretaria provinciale, la brava Giorgia Polli, che sarà fondamentale nel raccordo SG-DS. Soprattutto perché dobbiamo diventare il luogo privilegiato di formazione politica dei giovani diessini.
Se dovessi fare un elenco delle sfide che attendono la SG della provincia di Gorizia, direi che in primo luogo c'è il radicamento, ovvero crescere di numeri. Sembra banale ma senza risorse umane si fa poco, al di là del fatto che si abbia tanta voglia e tante idee. Poi sul fronte radicamento ci son 3 grossi problemi in generale: la non-presenza al di fuori di Gorizia/Cormòns e di Monfalcone; il fatto che a Monfalcone servono nuove leve per affiancare i compagni che essendo molto impegnati con i DS stanno per avere un esaurimento nervoso (e dovremmo far loro un monumento per il fatto che riescano comunque ad aver tempo per la SG!!! bravi!), e infine il fatto che nella sezione di Gorizia... non ci sia nessuno di Gorizia, essendo tutti di Cormòns o studenti universitari, tranne il nuovo acquisto David (che ancora non lo sa ma gli darò tanto tanto lavoro da fare).
L'altra sfida è la quantità: aumentare la quantità delle iniziative che siamo in grado di mettere in piedi. Comporterà sicuramente parecchio lavoro.
E infine credo che ci sia da affermarsi come il luogo deputato alla formazione della nuova classe dirigente di sinistra, vedendosi quindi riconosciuto un ruolo importante da parte dei DS. Su questo credo ci siano buone prospettive vista l'apertura da parte dei DS: spetterà a noi saper raccogliere e vincere la sfida.
Insomma... ci aspetta un anno di duro lavoro!!!

7 commenti:

michele ha detto...

Mi piace la tua analisi e lo spirito positivo e costruttivo con cui ti stai apprestando a lavorare. c'è l'assoluta necessità di una svolta e ci vuole duro lavoro per completarla. un esecutivo forte e deciso, assieme ad una direzione attenta, possono portare ottimi risultati.

Marco Rossi ha detto...

Eh beh grazie. Spiace solo una cosa. I primi mesi temo (anche in prima persona) che congressi, situazione politica (vedi oggi) e elezioni amministrative ritarderanno un po' l'attività della SG. Bè, cmq si farà il possibile.

stefan ha detto...

che dire.. dopo oggi può succeder davvero di tutto.. più che ritardare l'attività mi sa che la situazione politica imporrà a tutti un bel po' di lavoro extra..

Pier ha detto...

Sono letteralmente schifato. Se si dovesse andare a votare, me ne resterei anch'io a casa. E non credo che sarei l'unico. Gente come quelli che hanno votato contro meritano solo di avere di nuovo Berlusconi. Se la sinistra riesce nell'impresa di riconsegnarli il Paese farebbe davvero un capolavoro....

Marco Rossi ha detto...

già... ma perché la sinistra riesce sempre a farsi del male da sola???? precheeeeeé?
tra l'altro proprio adesso il governo iniziava a lavorare bene. Aveva ingranato. E anche in politica estera francamente la differenza si notava parecchio!
mah... uff :-(
mi vien da piangere...

Michele ha detto...

Speriamo che vada a finire bene. O c'è un Prodi Bis che si regge su questa maggioranza o andiamo a picco. Non centra il PD, ma se ci tiriamo dentro i Follini, i Musacchio o l'UDC ci ritroveremo al bar tra 30 anni a giocare a briscola e a chiederci perchè abbiamo vissuto in un paese senza speranze di cambiamento.
Non bisogna tradire il voto degli elettori, spero che i nostri a Roma si comportino con buon senso e intelligenza e non come dei coglioni!

Marco Rossi ha detto...

questa maggioranza non è maggioranza, semplicemente. Follini e altri o entrano oppure il centrosinistra è finito. è anche questione di numeri alla fine :-(